alipiccole.gif (2680 byte)

Il pilota

1 di 4


PRENDERE LE ALI NELLA

MARINA MILITARE

 

     I piloti degli aeromobili della Marina Militare sono Ufficiali del Corpo di Stato Maggiore provenienti dai Ruoli Normali e dal Complemento, questi ultimi al termine dei dodici anni di rafferma sottoscritta all’inizio del corso di pilotaggio hanno la possibilitÓ di transitare nei Ruoli Speciali. La differenza tra i Ruoli consiste essenzialmente nella possibilitÓ di carriera: gli Ufficiali del Ruolo Normale del Corpo di Stato Maggiore, o anche Ufficiali di Vascello, secondo un’antica tradizione marinaresca, seguono un corso di studi di quattro anni presso l’Accademia Navale di Livorno, ed in seguito possono aspirare a ricoprire i pi¨ alti incarichi nell’ambito delle Forze Armate. 

     Il Ruolo Speciale del Corpo di Stato Maggiore consente invece uno sviluppo di carriera pi¨ limitato, fino al raggiungimento del grado di Capitano di Vascello; il corso dura sette mesi e si tiene presso l’Accademia Navale; possono accedervi gli Ufficiali di Complemento, laureati o diplomati che hanno giÓ vinto un concorso per svolgere il servizio di leva "prolungato" come ufficiali, oppure i sottufficiali in S.P.E. in possesso di diploma di scuola media superiore.

     La scelta del personale da avviare ai corsi di pilotaggio avviene per i Ruoli Normali attraverso una selezione operata durante la IV classe dell’Accademia Navale e per il Complemento tra i Guardiamarina che hanno espresso la preferenza per la specializzazione di pilota.



Indietro

Home
Indice

successiva
Avanti